martedì 3 marzo 2009

Stage della Magneti Marelli all'Ipsia di Imperia: presentata una "Fiat 500" "courtesy car" Ferrari

Il Sole minaccia anche le nostre amate 500.
'Create






Imperia - La scuola di Imperia ha gia' avviato una collaborazione con la casa automobilistica Toyota ed ha in serbo diversi progetti che spaziano dalla meccanica alla nautica.
E' nata, oggi, con uno stage presso l'Istituto di Imperia, la collaborazione tra gli studenti del corso di operatore tecnico meccanico dell'Istituto Professionale per l'Industria e l'Artigianato (Ipsia) di Imperia e la Magneti Marelli che ha presentato agli alunni una 'Fiat 500' (nuovo modello), in produzione limitata e fuori commercio, utilizzata come 'courtesy car' dai rappresentanti Ferrari. 'Con la Magneti Marelli – ha affermato il dirigente scolastico dell'Ipsia di Imperia, Italo Marvaldi – e' nato un rapporto di collaborazione, in cui i tecnici della nota azienda (che produce sistemi elettronici, di accensione e di scarico) terranno corsi di aggiornamento ad alunni e insegnanti. Oggi, ci hanno lasciato parecchio materiale didattico da utilizzare per l'officina'.La scuola di Imperia ha gia' avviato una collaborazione con la casa automobilistica Toyota ed ha in serbo diversi progetti che spaziano dalla meccanica alla nautica. 'Con lo stage di oggi – ancora il preside – abbiamo voluto aggiornare i programmi di studio dei ragazzi sulle nuove tecnologie in campo automobilistico. Ma uno degli aspetti su cui puntiamo di piu' e' l'inserimento lavorativo che cerchiamo di realizzare con stage in aziende liguri. Proprio in questi giorni, 52 nostri alunni hanno terminato un tirocinio nei settori della meccanica, dell'elettronica e dell'informativa'.Nel futuro dell'Ipsia di Imperia ci sono anche progetti che riguardano la nautica. 'Stiamo portando avanti progetti che riguardano la cantieristica e l'elettronica da diporto – conclude Marvaldi -. Abbiamo anche iniziato un progetto di acqua-coltura che si concretizza con l'allestimento di due gabbie in uno specchio acqueo di circa 50mila metri quadri, tra Diano Marina e Imperia, in cui alleveremo branzini e orate. Gli studenti, in questo caso, stanno ristrutturando due imbarcazioni che presto metteremo in acqua'. Tra gli altri progetti, c'e' pure quello per la produzione di avannotti.di Fabrizio Tenerelli www.riviera24.it 03/03/2009

Nessun commento:

Posta un commento